DIFESA DONNA

Una Donna deve imparare innanzitutto ad evitare situazioni a rischio o che possono diventarlo. Fare attenzione a camminare in zone isolate, non dare confidenze ad estranei, essere vigili quando si rincasa.

Il portone o il cancello è spesso il luogo dove chi ci ha seguite decide di mettere in pratica il suo piano.

A volte una violenza può avvenire anche da un collega di lavoro, una persona che crediamo amica, un parente, qualcuno che lavora in un posto che ci troviamo a frequentare anche casualmente (stazione di servizio, lido balneare, garage ecc.), o addirittura nell’ambiente domestico, ad opera di mariti o fidanzati violenti.
Per questo una donna non sempre può evitare tutto e necessita di conoscere gli strumenti per potersi salvare la vita in caso in cui tutto ciò che ha osservato non è bastato ad evitarle un’aggressione.
I corsi non hanno lo scopo di trasformare una casalinga o una studentessa in una super donna. Le tecniche descritte hanno molte variabili e non assicurano il successo al 100% ma permettono a molte donne di evitare di avere la peggio in caso di aggressione.
Il pericolo maggiore è essere prese di spalle. Molte aggressioni avvengono così afferrando la vittima al bacino e tenendole una mano sulla bocca per non farla urlare. Il primo consiglio è evitare il panico. Reagire indiscriminatamente dimenandoci fa solo innervosire l’aggressore. Mostrate calma cercando di capire se vuole trascinarvi, in ogni modo per usarvi violenza dovrà esservi davanti quindi dovrà cambiare posizione.

Cosa fare?
Vieni in Palestra e ti sarà svelato.